CANTIERI per la formazione

L’emergenza epidemiologica determinata da COVID-19 ha generato molte misure restrittive. Per fermare il contagio ci viene chiesto di “restare a casa” almeno fino ad aprile inoltrato. Le previsioni fanno pensare che anche le date ipotizzate per riaprire le scuole entro l’anno scolastico difficilmente potranno essere rispettate. Per questo, abbiamo deciso di revocare l’appuntamento.

Pertanto E’ RIMANDATA LA 6^ EDIZIONE dei CANTIERI PER LA FORMAZIONE.

Dentro e fuori I LUOGHI COMUNI. Ripensare spazi e linguaggi dell’educare

Il Corso residenziale di formazione per insegnanti, educatori, studenti, IN PROGRAMMA A ROMA DAL 1-4 LUGLIO 2020, presso Istituto comprensivo S. Salacone E’ RIMANDATO.

A tutti quanti avevano dato la loro volontaria disponibilità alla realizzazione dell’edizione di cantieri 2020, DICIAMO GRAZIE.
Non perdiamoci di vista.

Eravamo pronti con ottenere l’inserimento del corso nella piattaforma Sofia del MIUR, per la comunicazione cartacea e on line. Siamo stati colti da un inatteso imprevisto di grandi proporzioni. Ora la gerarchia delle cose indifferibili è cambiata: la “distanza sociale” ci impone di pensare cose nuove, inedite, creative per mantenere la relazione educativa e l’impegno culturale e politico che contraddistingue la nostra associazione.

Con questi difficili pensieri vi lasciamo, sapendovi sempre impegnati anche da casa con alunni e alunne, figli e figlie, nipoti…
Saremo lieti di ricevere i vostri pensieri e proposte in questo difficile passaggio

Quando questo sarà passato…. Potremo ripensare insieme temi e organizzazione del corso formativo MCE


«CANTIERI per la formazione » è una proposta formativa del Movimento di Cooperazione Educativa rivolta a insegnanti ed educatori, a studenti e ricercatori – uomini e donne – che vogliono avvicinarsi al mondo educativo seguendo e reinterpretando creativamente le pratiche della scuola attiva, da C. Freinet a M. Lodi.

È un invito alla ricerca-azione, a cercare le vie per un cambiamento nel modo di far scuola.

La presenza di nuovi soggetti in classe impone una speciale attenzione alla relazione educativa, non solo per costruire un clima positivo di accoglienza, ma anche per affinare prassi di mediazione interculturale..

Per affrontare creativamente i problemi dell’oggi occorre ripensare l’azione educativa ripartendo dall’intreccio tra saperi e contesti, tra metodologie e tecniche di insegnamento/ apprendimento.

Con un occhio alla miglior tradizione pedagogica e un altro al presente intendiamo esplicitare proposte per un’educazione alternativa, valorizzando orientamenti e tecniche della cooperazione educativa e sperimentando insieme che un’altra scuola è possibile.

Cantieri: Il Progetto (pdf)